99 posse non ce tempo testo



Apro gli occhi nella notte e vedo un mondo che non c’è


quello che mi sta intorno non è mio non fa per me


il buio mi circonda, sai mi avvolge e mi ricorda di


quando spegnevo la luce e da sola volevo tagliare la corda.


Trasformare i sogni e le passioni in metriconi


è quello che Zou mi ha chiesto ed io non volevo sentire ragioni


ma la notte porta consiglio, neanche uno sbadiglio


è questo lo spiraglio che mi fa sentire meglio.


Forse solo un poco di malinconia


mentre guardo e poi mi cerco nella gigantografia


crisi di coscienza o forse d’identità


eppure io mi riconosco proprio in quella là.


La mia giornata se ne va, ed io divisa tra


l’entusiasmo e una nuova paranoia


in quel mondo che sembra lontano e invece è qua


attenzione, parlo della realtà.


rit. Sento che non c’è tempo


e allora un po' più in fretta farò


cercando di non lasciarmi prendere


dalla solita ansia bloccarsi non si può


cerco un nuovo contatto


un po' più di controllo su quel che sto vivendo


è il presente che mi sfugge dalle mani


ma io non mi sottraggo o almeno ci sto provando


Tiempo cerca ’o giovane ca nun vo’ sbaglià


Tiempo cerca o’ viecchio ca vo’ reciperà


Tiempo cerca o’ tossico ca nun se vo’ fà


Tiempo cerca o’ tiempo e tiempo nun ce ne sta, tu


Sienteme mo’ sienteme a me siente O’ Zulù


tiempo magari ’na vota ma mo’ tiempo nun ce sta chiù, tu


sienteme mo’ sienteme a me siente O’ Zulù


o curre o vaje in galera e hai tutto ’o tiempo che vuo’ tu


Ero nù muccusiello che lent’ a’ cartella, la scuola, la casa


e lezioni l’ombrello si chiove o’ cappello, va’ imbranatiello


sì chiattulillo, e nun vestevo firmato, nun tenevo ’na lira


e se uscivo la sera ma facevo a piere e ogni vota che ascevo


era ’na croce nera, ’na storia vera, nun se poteva, ’na storia vera


E tu bellillo int’ a’ televisione


me scamazzav’ a’ palla tu e a’ competizione


tu e gli anni Ottanta: ”volere è potere”


e io vulevo, nun potevo e m’a’ facevo a piere.


rit. Sento che non c’è tempo


e allora un po' più in fretta farò


cercando di non lasciarmi prendere


dalla solita ansia bloccarsi non si può


cerco un nuovo contatto


un po' più di controllo su quel che sto vivendo


è il presente che mi sfugge dalle mani


ma io non mi sottraggo o almeno ci sto provando


Sienteme mo’ sienteme a me siente O’ Zulù


steveno tante cosa ca mo’ nun ce stanno chiù


steveno tanti partiti ca mo’ so’ spariti


ca manco dicissi che sono esistiti,


tutto è cagnato, o’ peggio è passato,


o’ nuovo è arrivato, tutto è cagnato


E tu staje ancora int’ a’ televisione


t’ e’ fatto a faccia nova ma sì o’ stesso imbruglione


e siccome me so’ rutto o’ cazz’ e’ ma fa a piere e


tiempo nun ce sta chiù, nuje t’ammo fatto sta canzone


Cerco tiempo e nun ce ne sta...


Sento che clamorosamente il tempo viene meno


e illude chi mo’ aspetta


come qualcosa che ti sei lasciato alle spalle correndo


e adesso hai fretta, in vetta,


Cenzou il mostro mostra la strada maestra


a chi mo’ sta girando intorno al niente come una giostra


resta da dire che come il punk sono the antichrist


sto all’hip-hop come il demone sta al poltergheist


stai abbandonando la mia nave piano


questo era Cenzou ed io saluto i Posse e sono già lontano


Riconosco quel bagliore tra le fessure


è la luce di un altro giorno che rischiara le mie paure


ho un’intuizione adombrata dalla mia eterna indecisione


credo di chiudere tutta la vita dentro lo stepone


Ma non è così non è questa M.E.G.


una notte di paure non vale un giorno sul bit


I ricordi e le speranze sono troppi io lo so


ma pensare al passato e al futuro certe volte sai, fa male dentro


nella mia testa si rincorrono i pensieri


sono sempre più seri, sempre più neri


sono sempre più seri, sempre più neri


ma è un cane che si morde la coda girando


e mi accorgo che pian piano i conti stanno tornando


Nessuno ha calpestato i tuoi castelli di sabbia


nessuno potrà chiudere le tue favole in una gabbia


Non so se sono sveglia, dormo oppure è fantasia


ma l’unica cosa che so è che questa notte è la mia


rit. Sento che non c’è tempo


e allora un po' più in fretta farò


cercando di non lasciarmi prendere


dalla solita ansia bloccarsi non si può


cerco un nuovo contatto


un po' più di controllo su quel che sto vivendo


è il presente che mi sfugge dalle mani


ma io non mi sottraggo o almeno ci sto provando