99 posse terroni uniti testo



Gente d’’o mare


Gente ‘e ‘sta terra (4 volte)


Gente d’’o sud


Gente d’’o mare


Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore


E chisto è ‘o mood


Vene d’’o mare


Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale


[omissis] e c’’a mano nce porta luntano


Cu ‘a vocca dint’ô ssale se lava c’ ’o mare


Ma nunn’è normale


Chi parte ‘a luntano pecché è disperato


Tu ‘o chiamme immigrato ma io ‘o chiammo frate


Restammo umane


Vide ch’hê ‘a fà


‘o munno è gruosso e l’hê ‘a considerà


Nun può penzà


Ca chello ca cunusce nun nce sta


Miettete dint’ê panne ‘nfuse


‘e chi se move


Quanto ha refuso ‘e cose llà ffora


Pe mmezzo ‘e ll’abbuse


D’’a puzza ‘e petrolio


Nunn’è ‘na scusa


È ‘nu diritto a stà bbuono


Gambia, Nigeria, Eritrea


Addó ‘a pace po’ è sulo n’idea


Chi parla, fra’, nunn’have idea


Chi ‘o vvive s’affronta ‘e mmaree


So’ mmamme e pate


So’ frate e ssore


Pure ‘a speranza ‘ròssa dint’ô core


Lassanno ‘a casa addó sta ‘a ‘uerra


Pe ‘na speranza ‘ncopp’a chesta terra


Gente d’’o sud


Gente d’’o mare


Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore


E chisto è ‘o mood


Vene d’’o mare


Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale


A mme pure a Nnapule me chiammano Zulù


Arrivaje cu ‘nu bbarcone ‘e ll’Area Nord


‘mmiez’ô Ggesù


“Terrone di merda”, sulla pancia il mio tattoo


Lo porto con orgoglio, questo nome è sangue blu


Noi non ci offendiamo se l’ignoranza ci accusa


Riconosciamo gli intrusi e gli abusi


Voi siete i mandanti eleganti di tutti i soprusi


Emarginiamo i collusi


E non lasciamo refusi


Ma Napule ‘sta storia ‘a sape ggià


Quei signori eleganti son passati di qua


Per chiamare briganti chi nun steva cu lloro


Per lavare col fuoco chi era fuori dal coro


Partono ‘e bbastimiente pe tterre assaje luntane


Cantano a bbuordo e so’ nnapulitane


Tornano ‘e bbastimiente d’’a terra cchiù vvicina


Cantano ‘a bbuordo e so’ so’ tale e quale


Gente d’’o sud


Gente d’’o mare


Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore


E chisto è ‘o mood


Vene d’’o mare


Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale


Fronna ‘e limone


‘stu canto che vene e vva


Voce ‘e guagliune dal Cairo alla Sanità


Si cride a Buddha, a Gesù, Spiderman o Allah


Si’ ‘o frate nuosto


Ma arriverà il giorno X per l’umanità


Che tutti quanti dovremo andar via da qua


E cercheremo per tutti la libertà


‘int’a n’atu puosto


Ferma ‘sti rruspe [omissis]


‘o sole è ancora cavero a cchest’ora


Sta ‘o ffuoco dint’a ‘sti llammère


Tu tiene ll’auto blu, nuje cammennammo a ppede


E ‘o munno nunn’è ‘na frontiera


Vulisse purtà cca


Odio, muri e barriere


‘a tiene sulo tu ‘sta guerra ‘ncapa


Ma chi t’ha dda accattà? Sulo chi nun te sape


Dint’a n’attimo figliemo, n’onna liggera


‘o perdette dint’a ‘stu mare ca se magna ‘e penziere


ie vulevo ‘nu futuro pe fujì d’’e bbombe


[omissis] pure lloro spisso nun s’affronta


dint’a n’isola felice fatta ‘e quacche ricordo


si guardo arreto tanti ccose nunn’hê ssupporto


vaco annanze si Allah me dà ‘a forza ‘e stà allerta


peggio ca ‘na bomba nun po essere


Vurrìa ca addó se vede ‘a terra accuminciasse ‘a casa toja


che dessemo ‘na mana pe cchi vene ‘a luntano


e chi se ne ‘mporta si cagnano ‘e pparole


stammo cantanno ‘a stessa canzone


Gente d’’o sud


Gente d’’o mare


Gente ca ancora è capace ‘e credere a ll’ammore


E chisto è ‘o mood


Vene d’’o frate


Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale


(Mbarka bint Taleb)


Âmmo perduto ‘e suonne e ‘e speranze dint’a ‘na kefija


Pe cchi, cómm’a mme, ancora nun s’hê arreso


‘a pretesa ‘e ‘na bbella vita ‘a voglio pur’io


Pe ddispietto ‘e chi ha bombardato ‘a terra mia


So’ chillo cu ll’uocchie chine ‘e cazzimma


E pure si nun tengo niente po’ nc’ha spartimmo


Me chiammano “Giuanne Palestina” ma pe mmammà so’ ssempe Ibrahim


Dinto a ‘sti viche se sente ‘na lengua nova


‘o viento ‘e mare ca nc’ammesca nuje cu lloro


Dint’a ‘na musica m’arriva ‘nu fatto antico


Capace ‘e raccuntà chello ca nun dicite


[omissis]


Vengo d’’e Ddoje Sicile


Nc’âte purtato omicidie e bellezze a domicilio


[omissis]


Simmo ‘a ggente d’’o sud


Clandestine ca ponno cagnà ‘o destino d’’o munno


‘sta vita ‘mmano a chi tene manie ‘e grandezza


Ll’immigrazzione pare ll’unica via ‘e salvezza


Sta n’amico mio chiuso ‘into a ‘na galera


Addó ll’unica cella è ‘a voce d’’a miseria


Miseria ‘e tutt’’a ggente che crede ancora


‘e puté cundannà a chi tene ‘a pelle nera


Mentre ‘o popolo dorme isso che ffà?


Cu cchiù ‘e mille culure pitta ‘e mure d’’a città


E nun cerca solde, fa’ bbene e scorda


P’’o mmale ggià ce pensa ‘a Lega nord


Gente d’’o sud


Gente d’’o mare


Gente capace ‘e credere ancora dint’a ll’ammore


E chisto è ‘o mood


Vene d’’o mare


Dint’ê culure nc’ammiscammo e simmo tale e quale


So’ mmamme e pate


So’ frate e ssore


Che penzano â famiglia


Simmo tale e quale


‘a guerra e ‘o mare


[omissis]‘a famme


‘o stesso sole scarfa a tutte quante


Gente d’ammóre che sona ‘a tammorra


Segue ‘stu córe ca ha avuto ‘o dulore


Cu ‘nu culore, cu’ ‘na bandiera


‘mmiezo a ‘sti pale se sceta e ce crede


Simmo brigante, nun simmo maje stanche


Ll’anema è vviva


[omissis]


‘o sud nun se tocca


Son pronto â morte


[omissis]


[omissis]


Io voglio arreto chello ca nc’hanno levato


Niente cunsiglie, i’ voglio, ‘o ssaje,


Essere libbero ‘e murì addó nun so’ nnato


Gente d’’o sud


Da quassù la terra è bellissima, senza frontiere né confini