Beatrice Visconti Paulette Testo

Sguardi indecisi

in una notte di mezza vita

a guardare in faccia il tempo

a non sprecare un secondo

in questo viso un pò andato

con gli occhi rossi perché non so parlare

e con me stessa e con quei sorrisi finti

di gente infelice

E salgo le scale con il vestito che ti piaceva tanto

rovinato dalla notte

a far finta di esistere

con la bocca dipinta

di un rosso scarlatto

mentre il mondo si tinge

di bianco e paura

io sono qui fuori

a implorare pietà

e una farlalla morirà

Sguardi maligni

già sento addosso tutto l’odio rimasto

e le parole d’amore

che ti trasformano in schiaffi

su questo filo di vita

facciamo a pugni fino a perdere il cuore

per poi raccoglierlo da un marciapiede

lontano da casa

E mentre alzi la voce

già se ne va un altro pezzo di vita

e sto in silenzio per fermare il tempo

o solo per stare al mio posto

con la collana di perle

rubata alla mamma

e messa sul collo

forse si è troppo presto

io sono qui fuori

a implorare pietà

e una farfalla morirà

Una farfalla morirà

non prima di aver giocato a fare la notte

a chiudere gli occhi

per sentirsi libera

e sentirsi libera

e una farfalla morirà

E con un soffio sparirà