Carlo Buti Testi

Carlo Buti La porti un bacione a Firenze Testo

Partivo una mattina co’ un vapore,

e una bella bambina gl’arrivò.

Vedendomi la fa: Scusi signore!

Perdoni, l’è di’ ffiore, sì lo so.

Lei torna a casa lieto, ben lo vedo,

ed un favore piccolo gli chiedo.

La porti un bacione a Firenze,

che l’è la mia città

che in cuore ho sempre qui.

La porti un bacione a Firenze,

lavoro sol per rivederla un dì.

Son figlia d’emigrante,

per questo son distante,

lavoro perchè un giorno a casa tornerò.

La porti un bacione a Firenze,

se la rivedo, e’ glielo renderò.

Bella bambina! Le ho risposto allora.

Il tuo bacione a’ ccasa porterò.

E per tranquillità fin da quest’ora,

in viaggio chiuso a chiave lo terrò.

Ma appena giunto a’ ccasa te lo giuro,

il bacio verso i’ ccielo andrà sicuro.

Io porto il tuo bacio a Firenze

che l’è la tua città

ed anche l’è di me.

Porto il tuo bacio a Firenze

né mai, giammai potrò scordarmi te.

Sei figlia d’emigrante,

per questo sei distante,

Ma sta’ sihura un giorno a’ ccasa tornerai.

Porto il tuo bacio a Firenze

e da Firenze tanti baci avrai.

L’ è vera questa storia e se la un fosse,

la fo’ passar pe’ vera, sol perchè

so bene che lucciconi e quanta tosse

gli ha chi distante dalla Patria gli è.

Così ogni fiorentino ch’è lontano,

vedendoti parti’ ti dirà piano:

La porti un bacione a Firenze,

che è tanto che ‘un ci vo’

Ci crede? Più ‘un ci sto

La porti un bacione a Firenze,

‘Un vedo l’ora quando tornerò

La nostra cittadina

graziosa e sì carina,

la ci ha tant’anni, eppure

la un n’invecchia mai.

Io porto bacioni a Firenze

di tutti i fiorentini che incontrai.