Carmelo zappulla nino dangelo poverammore testo



T'aggia lassata sempe sola, sola,


mentr'io passavo e'nnotti'nsieme a n'at,


senza curarme 'e te, pover'ammore


e tu facevi finta 'e nun sape'.


E mo' ca te vurria sempre vicina,


che brutto scherzo ca me fa 'o destino


e sto preganno a 'tte, Madonna mia,


a cumpagnella mia nun ta piglia'.


Io te prumetto ca addivento buono,


due cuori d'argiento porto ai pieri tuoje,


un è pe 'mme, ca song' peccatore,


l'ate è pa figlia mia, ca resta sola.


Una lacrima mi scenne


Marunne',


a cumpagnella mia,


a cumpagnella mia ta vo' piglia'.


Ta vo' purta' cu 'tte,


ta vo' purta' cu 'tte all'ato munno.


Ma allora,


ma allora che Madonna si?


Io nun te credo,


nun te credo 'cchiu'.


E che 'lla rico a peccerella mia


quanno se sceta a notte e vo' a mamma'?


Te prego, te prego nun m'o da'sto dispiacere,


dimme che e"na bufia sta verita'.


Tu, ca si stata a mamma'e tutte 'e mamme,


sta grazie ca te cerco me l'hai a fa',


pigliate 'o core mio, pigliate a 'mme,


ma' a peccerella lassala a mamma'.


Nun ta piglia'a cumpagnella mia, Maronna,


o 'vvire ca sto preganno addinucchiuato?


To giuro, to giuro ca addivento buono,


vengo tutte iuone inta chiesa.


Marunne', a te prega'


a cumpagnella mia,


a cumpagnella mia nun ta purta', Marunne'.


E si nun 'o vo' fa per 'mme,


fallo pe chista peccerella,


a figliarella mia, Maronna,


Maro', te prego.