Caterina bueno dona lombarda testo



Dona lombarda l dona lombarda


se vuoi venire a cenar con me” (bis )


“Mi venireva ben volentieri ma l'ho paura dello mio marì”


“Tuo marito fallo morire fallo morire che t'insegnerò.


Va ne l'orto de lu tuo padre, prendi la lingua dello serpentin.


Prendi la lingua del serpentino, butala dentro ne lu buon vin”.


E alla sera riva 'l marito: “o moglie mia pòrtami da ber”.


“Tu lo vuoi bianco tu lo vuoi nero”.


“Pòrtalo pure come piace a te”.


“O moglie mia come la vale che questo vino l'è intorboli?”


“Sarà la pompa dell'altro ieri e che l'ha fatto ma intorbolì”.


Ma un bambino di pochi mesi che apena apena cominciò a parlar:


“O padre mio no lo sta a bere che questo vino l'è avvelenà”.


“E all'onore di questa spada o moglie mia bévilo tu


E all'onore di questa spada donna lombarda devi morir”.