Delirium Testi

Delirium Favola o storia del lago di Kriss (Libertà) Testi

Notte chiara di luna piena
Notte chiara sul lago di Kriss
Notte chiara di primavera
Passa un’ombra sull’acqua di Kriss
 
Forse il vento caldo di primavera
Fa da guida all’ombra che va
La luna accende fuochi d’argento
Sull’acqua calma del lago di Kriss
 
“O tu che puoi camminare sull’acqua
Rimani un poco a parlare con me”
L’ombra si ferma ed ascolta la voce
Parla allora il gran lago di Kriss
 
“Da mille anni sto fra queste rive
Non vedo che gli alberi intorno a me
Il bosco e il prato, l’alba e l’imbrunire
E la mia preghiera l’affido a te
 
Fa’ che io possa vedere il mondo
Gli uomini, le cose e il mare più profondo
Le terre più lontane che potrò scoprire
La luce più abbagliante che potrò vedere
 
Sto da mille anni fra queste rive
E la mia preghiera l’affido a te”
Luna chiara nel cielo scuro
È calda la notte sul lago di Kriss
 
Risponde l’ombra con la voce del vento:
“Vecchio lago, tu non sai che cosa vuoi!
Da mille anni stai fra queste rive
Il mondo non è ciò che credi tu”
 
“Ti inghiottirebbe il mare più profondo
Le terre più lontane bruciano
La luce più abbagliante vedi tu ogni giorno
È pace ciò che senti intorno a te”
 
Notte cupa di cielo scuro
Cala la luna su lago di Kriss
L’ombra è svanita, dissolta nel buio
Torna il silenzio sull’acqua di Kriss