Fabrizio casu cosa sei sugnendi testo



Li rosi rui sò prufumaddi cante te


chi sei più bedda di l'isthelli e nò lu sai,


a te chi sei la mè fusthuna, cumente te mai più nisciuna,


tu chi fai pasthi di tutti li sogni mei.


Ma un sogniu ancora in cori si debi avvirà


si i lu tò cori loggu pai me vi sarà.


Ma tu in cà lettu sei drummendi, chissà abà a cosa sei pinsendi,


eru vuruddu intrà in tutti li sogni toi.


Cosa sei sugnendi? Eu lu sai vi pensu sempri


dimmi chi mi sei zischendi cantu zeschu fosthi a te,


cussì nasci chisthu amori chi v'aggiu da tempu in cori


è cù la passioni ruia di li fiori.


Cosa sei sugnendi? Eu ti lu soggu jurendi


chi mi soggu innammurendi, chissà sì è cussì pai te.


I lu cori è ischrittu “t'amu”, nò fuggì, dammi la manu


acchì sei drentu di me chi ti soggu sugnendi.


Sobra l'ippaddi v'aggiu un pesu chi nò sai


ma tantu sai chi in cori nò m'arrendu mai.


Si mi voi bè nò fammi mari, dimmiru subiddu sì m'ami


e pà lu resthu di la vidda vi sarai.


Cosa sei sugnendi? Eu lu sai vi pensu sempri


dimmi chi mi sei zischendi cantu zeschu fosthi a te,


cussì nasci chisthu amori chi v'aggiu da tempu in cori


è cù la passioni ruia di li fiori.


Cosa sei sugnendi? Eu ti lu soggu jurendi


chi mi soggu innammurendi, chissà sì è cussì pai te.


I lu cori è ischrittu “t'amu”, nò fuggì, dammi la manu


acchì sei drentu di me chi ti soggu sugnendi.


Li rosi rui sò prufumaddi cante te


chi sei più bedda di l'isthelli e nò lu sai,


a te chi sei la mè fusthuna, cumente te mai più nisciuna,


tu chi fai pasthi di tutti li sogni mei.