Federico maria sardelli two poems testo



Se quand’a me rivolgi il labbro,


amata Filli,


possenti e crude


sento spirar


orride aure d’averno


e tutt’intorno turbinar


di Dite i venti putridi e possenti


è segno


che ti lavi poco i denti,


o soave Filli.


Cinguelletti


fringuellate,


augellando


garrulate,


cirpa e frilla


tra le frusche


fiorettose farfugliette


firfigliando trastulletti


Spé-pe-Pe-PÈM!


n’ho presi sett’otto


sentirai bòni


colla salvia.