Foja a chi appartieni testo



Te n'hanno luvato 'e parole


pe' chest' nun me parle maje


e 'mpietto m'he miso 'nu core


che sbatte e nun sape 'e chi è.


Nunn'è ca me sento cchiù overo


si pigli e me invento 'na via


ma saccio ca n'omme è cchiù sulo


si resta assettato a guardà.


Crireme, dint'o suonno d'ajere,


crireme, nun sapevo che fa'?


Vaco me 'mbriaco e tengo mente


tutt'attuorno pare vierno,


è 'nu bene 'stu dulore.


Rire, sto 'mpazzenno 'miezo 'a gente


sto sbagliando e so' cuntento,


nun me 'mporta a chi appartieni,


a chi appartieni.


E 'ncapa s'è miso 'o penziero


che rende cchiù doce 'e jurnate


pe' l'uocchie oramaje sì mistero


ca nun me fa' cchiù arraggiunà.


Nunn'è ca me sento cchiù forte


si piglio e me 'nvento 'na via


ma saccio che simme cchiù sule


si stamme assettate a guardà.


Veco chi pe' te va' jettanne 'o tiempo,


tutt'attuorno pare niente,


è 'nu bene 'stu turmiento.


Rire, sto 'mpazzenno 'miezo 'a gente


sto sbagliando e so' cuntento,


nun me 'mporta a chi appartieni,


a chi appartieni,


a chi appartieni,


a chi appartieni.