Gianluca Capozzi Testi

Gianluca Capozzi Amore d’estate Testo

Un bel tramonto negli occhi e l’azzurro del mare ma che ce vò cchiù

Basta sfiorarsi le labbra e il cuore batte di più

Un letto fatto di sabbia le mani che corrono non dire no

Dio se ci vede mio padre che mai gli dirò.

L’estate ormai è finita giuro che ti scriverò

Anche se piove dai rimani ancora un po’

È da matti ma chi se ne frega adesso che ti perdo.

Con gli occhi rossi come il fuoco, giuro, non sto piangendo ma…

Sarà la pioggia che mi bagna il viso, pecchè l’avessa fà?

Lo so è una scusa un po’ banale però, ma ormai l’ho detta già

Forse accussì t’accuorge ca stò male, penzanno e te lassà.

Se gli amori d’estate ormai si sa sono presi in affitto per metà

Pecchè fa male si po’ li à raccuntà.

Forse per te sarò soltanto un gioco un bel ricordo in più

Plastificato e chiuso in una foto

Ma je nun te scordo cchiù.

Litigo con le parole non mi hanno aiutato quando c’eri tu

A dirti quello che penso a non lasciarti mai più

E invece adesso saprei cosa dirti ma ormai a che me po’ servì

Ora sei andata lontano ormai nun me può sentì

Come in un film in bianco e nero ti rivedo qui

A dirmi anche se piove dai rimani un po’

È da matti ma chi se ne frega adesso che ti perdo

Con gli occhi rossi come il fuoco, giuro, non sto piangendo ma…

Sarà la pioggia che mi bagna il viso, pecchè l’avessa fà?

Lo so è una scusa un po’ banale però, ma ormai l’ho detta già

Forse accussì t’accuorge ca stò male, penzanno e te lassà.

Se gli amori d’estate ormai si sa sono presi in affitto per metà

Pecchè fa male si po’ li à raccuntà.

Forse per te sarò soltanto un gioco un bel ricordo in più

Plastificato e chiuso in una foto

Ma je nun te scordo cchiù