Giovannino giordo lu piccadori testo



Già soggu juntu a figgiuratti,


in pruzissioni eu pregu a te


acchì sei mamma di tutti canti


e abà paldhonu dumandu a te.


Tutta la vidda suffrendi


senza un mamentu di pasu:


tu chi hai suffelthu di più


abà mi poi cumprindì.


Tu chi sei sopra a lu zeru


e a tutti canti zi vedi,


fammi la grazia, ti pregu


pa’ pudemmi a ti accusthà.


Già l’intendi lu lamentu


di un ómmu chi ha piccaddu


e a te no ha mai pinsaddu


e no è mai juntu a prigà.


Abà mi passi addananzi,


eu puru jettu una rosa;


pari chi mi sei figgiurendi


e chi mi voi paldhunà.


Già l’intendi lu lamentu


di un ómmu chi ha piccaddu


e a te no ha mai pinsaddu


e no è mai juntu a prigà.


Abà mi passi addananzi,


eu puru jettu una rosa;


pari chi mi sei figgiurendi


e chi mi voi paldhunà.