Il giardino dei semplici miele testo



Miele


Era il colore


Dei nostri corpi addormentati


Sotto il sole.


Sulle tue labbra


C'era un sapore


Che non ho scordato mai


Miele,


Le nostre fughe,


E si tornava lenti come tartarughe,


Quella sera che inventai il tuo nome,


Già cadevano le prime stelle.


Miele,


Com'eri bella.


E l'estate ancora sa di miele,


Anche se io senza te


Sto male, con me


c'è un'altra e potrei far l'amore,


Ma non e' miele...


Miele,


quale treno prenderai?


Era il colore,


quando arrivi


Chiamami se puoi.


Dei nostri corpi addormentati sotto il sole


forse lì m'innamorai


Sulle tue labbra


C'era un sapore


Che non ho scordato mai.


Miele,


Quale treno prenderai?


Torni domani?


Quando arrivi chiamami se puoi


Cosa e' cambiato,


Forse è colpa degli esami?


Forse lì m'innamorai


Quando hai detto


Scusami è finita


E cadevano le prime stelle


Miele


Com'eri bella


E l'estate ancora sa di miele,


Anche se io senza te


Sto male, con me


C'è un'altra e potrei far l'amore,


Ma non è miele.


E l'estate ancora sa di miele


Anche se io senza te


Sto male, con me


C'è un'altra e potrei far l'amore


Ma non e' miele...


Miele...