Ivan graziani monna lisa testo



Sì, vorrei rubarla,


vorrei rubare quello che mi apparteneva


sì, vorrei rubarla


e nasconderla in una cassa di patate, di patate


Il custode parigino


che spiava le bambine dell'asilo


ora ha la bocca


piena di biglietti del museo, del museo.


Lassù una civetta urla


ed io ancora non ho iniziato il mio lavoro, ora


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa...


La scuola è una gran cosa


e soprattutto se ti insegnano ad amare


i capolavori del passato,


però è un peccato che tu non li puoi vedere, né toccare.


E la cultura mi sorride


fra le ombre e le tende di velluto


ed io sto torturando


la tela col rasoio e con le unghie, con le unghie


Il custode si lamenta,


probabilmente vuole un'altra botta in testa, ora


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa...


Di sotto stanno urlando,


certamente mi dicono di uscire


il francese non lo afferro,


per questo me ne sto ancora un poco qui a pensare, a pensare.


Il custode si lamenta,


probabilmente vuole un'altra botta in testa, ora.


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa...


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa


Monna Lisa, Monna Lisa, Lisa