Limpero delle ombre corvi neri testo



Quella notte, sessant'anni fa,


scorse il sangue di quell'uomo che


volse al cielo i suoi occhi, su,


per salvare la sua gente.


Neri come corvi,


uccisero quell'uomo.


Così divenne schiavo.


Da allora, è Messa ancora.


Nella notte scura e senza un Dio


s'ode ancora quella litania:


il fantasma della crudeltà


grida al cielo nero il suo dolore.


Suona, suona le campane giù,


nella casa del martirio.


Dilla forte, la tua liturgia,


canta all'uomo la tua dannazione.


Neri come corvi,


uccisero quell'uomo.


Così divenne schiavo.


Da allora, è Messa ancora.


Neri come corvi,


uccisero quell'uomo.


Così divenne schiavo.


Da allora, è Messa ancora.