Luche o primmo ammore testo



O' primmo ammore m'ha fatto cchiù male


Sì tradisce nun 'o può fermà


O' primmo ammore m'ha luato l'aria


Ma je m'acciro sì me vò lassà


Tu m'he dato 'nu nomme


Tu m'he dato 'na fede


Quanno 'sti preghiere serveveno a poco


Rind' 'e mumente addò se vere n'ommo


Tu me daje chello ca nun se pò avè


Chello ca tutte chiammeno "rispetto"


Eppure sì 'a Bibbia è nu libro assaje luongo


Je annanz' 'o Signore stasera prumetto ca


N'aggio maje chiagniuto cchiù 'e ‘na vota


Ca nun me ne fujo quanno vene 'a morte


Nun te conquistarraggio sulo ch"e parole


'e cavo ll'uocchie quanno spuostene c"a vocca


Tu sì comme 'a femmena 'e n'ato


Tu sì annura comme 'a verità


Tu m'accatte ch"e sorde 'nfuse 'e sanghe


Tu m'affascine pecché pericolosa


Je ne tengo ddoje 'ncuollo pecché n'arrepose


O' primmo ammore m'ha fatto cchiù male


Sì tradisce nun 'o può fermà


O' primmo ammore m'ha luato l'aria


Ma je m'acciro sì me vò lassà


O' primmo ammore m'ha fatto cchiù male


Sì tradisce nun 'o può fermà


O' primmo ammore m'ha luato l'aria


Ma je m'acciro sì me vò lassà


Stongo abbasce 'o rione aspettanno c'arrive ‘stù carico ch"e sustanze


'o chiammame o viaggio d'a speranza pecché ce salvasseme tutt' a 'mbaranz


Bell 'e bbuono 'a finanza, duje cazzotte int"e tempie


Cerozz ch'è svenuto 'n'terre, ma chi ce l'ha mannato 'ncuollo


M'hanno ditto Michele, ma je dico "ma comme s'è permiso?"


Me l'aggio crisciuto comme 'a nu figlio


O' mparaje a sparà addò fa cchiù male


O' dicette n'accettà maje cunsigli


Ma je songo nu criminale primme d'essere 'nu cumpagno


A' vendetta nun sarrà maje doce


O' voglio cù ll'uocchie afòre c'allucca fino a perdere 'a voce


O' primmo ammore m'ha fatto cchiù male


Sì tradisce nun 'o può fermà


O' primmo ammore m'ha luato l'aria


Ma je m'acciro sì me vò lassà


O' primmo ammore m'ha fatto cchiù male


Sì tradisce nun 'o può fermà


O' primmo ammore m'ha luato l'aria


Ma je m'acciro sì me vò lassà


Tu m'he mise 'e spalle 'o muro e pò m'he strignuto 'nganno


Tu me guarde cù ll'uocchie 'e chi nun tene paura


E pò m'he ditto "fallo"


Je cchiù saccio ca tu sì proibita, cchiù te vaco cercanno


Faccio chello che vuò pecché sò annammurato comme a ‘nu suldato