Luciano Tajoli Testi

Luciano Tajoli Javapache Testo

Mezzanotte già rintocca

e per te, col garofano in bocca

son tornato mascherato

nel costume d’Apache perché…

Perché a te piace l’uomo brutale

ed in questa divisa fatale,

al chiarore d’un fanale

danzerai la tua java con me,

se nel cuor, per timor,

sarò forte per te…

Danza la java bruna,

bel fiore del male,

sotto la bianca luna

sei bella e fatale.

Forse tu sei per me

il mio destino

ed io sarò per te

un malandrino.

Bocca sulla tua bocca,

la java d’amore,

guai che qualcun mi tocca

la donna del cuore.

E se lontano un sibilo

ti chiamerà per via,

tu sei la donna mia,

nessuno mai t’avrà…

Ombre nere che avanzate

e con aria di sfida guardate,

che volete? So chi siete,

quegli Apaches che sfruttarono un fior ;

non è un fiore del male e del bene,

questa notte a me solo appartiene.

Giù il coltello, non conviene

spaventarla col vostro terror,

vieni ancor sul mio cuor

per la morte e l’amor…

Danza la java bruna

bel fiore del male,

forse sotto la luna

stanotte fatale

lascia che un Apache vi creda,

io sono il falco e tu la mia preda…

Schiudimi la tua bocca

in un bacio infinito

guai chi di voi la tocca…

(sparo)

ahimé, m’han colpito,

come i vigliacchi fuggono

con l’animo impunito,

ma il falco che è ferito

l’artiglio stringerà.

(fischio)

La ronda !…

Stiamo danzando solo una java gioconda,

non siamo gente, no, di galera,

ci divertiamo un po’…buonasera.

Un mandolino suona,

torniamo a danzare,

ma il cuore m’abbandona…

tu non mi lasciare.

Portami per un attimo

laggiù alla mia casetta,

c’è mamma che m’aspetta,

chissà se mi vedrà…