Luisa Ronchini Italian Folk – Semo tute impiraresse Testo

Semo tute impiraresse

semo qua de vita piene

tuto fògo ne le vene

core sangue venessiàn,

no ghe gnente che ne tegna

quando furie deventèmo,

semo done che impiremo

e chi impira gà rason.

Se lavora tuto il giorno

come macchine viventi

ma par far astussie e stenti

tra le mille umiliasiòn,

semo tose che consuma

de la vita i più bei ani

par un fià de carantani

che ne basta par magnar.

Anca e sessole(1) pol dirlo

quante lagrime che femo,

su ogni perla che impiremo

z’è na giossa de suòr,

par noialtre poarete

dunque altro no ne resta

che sbasàr sempre la testa

al silensio e a lavorar

Se se tase i ne maltrata

e se stufe se lagnemo

come ladre se vedemo

a cassar drento in preson,

so ste mistre che vorave

tuto quanto a magnar lore

co la sessola a’ ste siore

su desfemoghe el cocòn(2)!

Su compagne avanti sempre

no badè che vinsaremo

uso perle impiraremo

chi che torto ne darà,

su compagne avanti sempre

no badè che vinsaremo

uso perle impiraremo

chi che torto ne darà.