Mercanti di liquore Testi

Mercanti di liquore Lombardia Testo

Atterrati su in Brianza come un 747,

siam cresciuti di nascosto, come le castagne matte.

La regina Teodolinda ci faceva l’occhiolino

ma noi irriconoscenti, non le abbiam fatto l’inchino.

Imparammo la chitarra per avere un’occasione,

per paura di sentirci come un mobile a Lissone

poi ci siamo travestiti da soldati di ventura

per cercare di scalare questa ripida pianura.

Lombardia, com’è facile volerti male,

di sorrisi non ne fai e ti piace maltrattare,

ma noi siamo i figli storti, nati dentro un’osteria

e riusciamo a respirare, pur essendo in Lombardia.

A Milano costruimmo una giostra di cristallo,

ma la pioggia di monete l’ha distrutta sul più bello.

Riparammo nei quartieri dove c’è periferia,

perché sotto l’immondizia sta nascosta la magia.

E fu notte sempre lunga, ubriaca nei sobborghi,

imparammo a camminare con il passo dei balordi,

il profumo dell’asfalto ed il nome dei coltelli,

diventammo spazzatura, diventammo molto belli.

Lombardia, com’è facile volerti male,

di sorrisi non ne fai e ti piace maltrattare

ma noi siamo i figli storti, nati dentro un’osteria

e riusciamo anche a volare, pur essendo in Lombardia.

Quando venne l’uragano ci sorprese sopra Lecco

lo prendemmo per la coda e lo ficcammo dentro al sacco.

Anche il lago fu gentile, ci ha svelato il suo mistero

con in cambio la promessa di non raccontarlo in giro.

Abbiam preso qualche stella dalla notte bergamasca

mentre il diavolo rideva gli fregammo la sua crusca

poi chiedemmo alla montagna di cantarci una canzone

e nella valle sottostante tutti fecero l’amore.

Lombardia, com’è facile volerti male

di sorrisi non ne fai e ti piace maltrattare

ma noi siamo i figli storti, nati dentro un’osteria

e riusciamo a respirare, pur essendo in Lombardia.

Abbiam fatto la scommessa di una vita rattoppata,

come quando giochi il due nella briscola chiamata

non ci provoca vergogna la volgarità o il baccano

perchè anche l’occhio pesto può vedere assai lontano.

Quindi non ci biasimare se non siamo riverenti

è difficile parlare con in bocca il paradenti

Se non puoi volerci bene facci almeno compagnia

Tanto sai dove trovarci… buonanotte, Lombardia.