Michele Pecora Testi

Michele Pecora In cima al mondo (ritratto di un campione) Testi

Ci mancherai per il tuo stare con la gente
e l’espressione dolce di un fragile gigante;
quel filo che lega il talento alla passione
e il piede indissolubilmente ad un pallone.
 
Ci mancherai per quel sorriso di speranze,
per il tuo ribellarti al mondo e all’arroganza,
per aver dato voce a chi voce non ha
e per chi si è sentito un poco Maradona.
 
Diego c’è negli occhi dei bambini di periferia,
in un campetto tra le auto di una via,
seduto in cima al podio tra le nuvole.
Esiste come esistono le favole.
 
E tra la gente rimarrà l’eternità
del tuo farci sentire che la libertà
non è conquista né convincere qualcuno
che gli ultimi non sono figli di nessuno.
 
Diego c’è negli occhi dei bambini di periferia,
in un campetto tra le auto di una via,
seduto in cima al podio tra le nuvole.
Esiste come esistono le favole.
 
E ogni speranza che hai ridato quando un gol
non era solo un punto, ma vincere la vita,
dribblando uomini, arroganza e malafede;
ma nessuno ti ha mai tolto la palla dal piede.
 
Diego c’è negli occhi dei bambini di periferia,
in un campetto tra le auto di una via,
seduto in cima al podio tra le nuvole.
Esiste come esistono le favole.
 
E in questo lancio verso il cielo più infinito,
lasciando tutti, come sempre, senza fiato,
se ogni destino trova sempre il posto suo,
finire in cima al mondo è sempre stato il tuo.