Murubutu falso e vero testo



Cos'è che il falso è vero.


Cos'è che il vero è falso.


Cos'è che falsa il vero.


Cos'è che svela il falso.


[Murubutu]


Il volto pallido l'abito sudicio e madido


L'aria da maschio in acido lo sguardo languido e tragico


e sempre allo sbando senza casa né cambio


e la fame sua compagna ad ogni alba ne ascoltava il canto


e lo vedevo giù in stazione in mezzo alle persone


su una coperta grezza aperta, un pezzo di cartone


e chi passava lo scansava lo guardava era un pezzente, pazzo, mentecatto, accattone


negli occhi gialli ad ogni alba si specchiava il sole


ed ai passanti di ogni piazza raccontava storie


ma come renderlo senza seguito reddito


Diogene di sto secolo in cerca di un vero valore


diceva "in fondo questa vita mia è una scelta vera"


non so se fosse un motto il suo o una domanda aperta


ma nello sguardo perso vidi un lume fiero


di chi ha scelto di essere se stesso libero davvero


infondo chi è più schiavo noi o lui tra i sui rifiuti


e lui o noi con i nostri turni e i nostri mutui


e chi si piega chi si frena quando tira vento


lui che soffre spera scopre pena resta sempre autentico?


(Rit.)


Ehi ma dov'è il falso e il vero


ehi cos'è che è tutto zero


ehi forse è un sottile velo


…da cinereo a nero


ehi ma è tutto un'impressione


ehi ma è tutto un'espressione


ehi o forse un'equazione


…un'altra dimensione


[Malosmokie's]


il tacco alto gonna corta con la gamba in vista


il viso in tiro ma sciupato dalle notti in pista


mani curate la borsetta un telefonino


il portafoglio vuoto e troppe foto del suo bel bambino


il marciapiede, le rotonde, il suo ufficio


tra colleghe ci si aiuta a superare il primo schifo


bottiglie vuote tanto freddo il cielo grigio


altra notte a vendere se stessa a un altro nuovo amico


le donne a modo guardan male come a un criminale


invece l'uomo pensa al buono di un rapporto orale


davanti agli altri mai nessuno ci ha avuto a che fare


escort, troia, mignotta, donna di malaffare


ma cosa dire a chi riflette sul suo senso


sacrifici per qualcuno e un futuro più contento


o per riavere un documento o per ricatto o rapimento vivi una vita che tu non hai scelto


"se non lo faccio non rivedo più mio figlio"


con la voce di chi cade dentro un vuoto senza appiglio


e chi è più falso lui che spopola e che lotta


chi dice il vero tuo marito o la mignotta?


(Rit.)


[Vara]


Togli gli occhi al sorriso un viso proprio come tanti


cammino ingobbito il peso degli anni lo spinge in avanti


da tempo lotta col tempo e lo fa a suon di contanti


perché è un bandito ben vestito, uno squalo dai piani alti


gli affari sono affari si dice chiedi un po in giro


nel giro la gente è cinica e bara come il destino


lui ha lo sguardo felino e il dente ingiallito che ride cattivo


se fiuta il sangue della preda che ha ferito


ha capito fin da bambino che l'animo umano è fragile e cupo


crede alle favole anche se a narrarle è il lupo


in questo è stato abile ha la parlantina facile


tu dagli una ciambella e ti vende persino il buco


si è fatto da sempre il culo, si è preso la città


è tutto suo dal municipio all'ultimo dei bar


diceva la gente scema con poco la si conquista


a tutti serve una spinta perfino all'equilibrista


io ne ho date tante e ne ho fatte sempre buon uso


in sto gioco vince il più grosso proprio come nel sumo


lui che si è fatto da solo si è fatto sempre più solo


e ora che si fa sera rimurgina sul suo vuoto


dov'è il falso è vero l'uomo di ghiaccio è al ultimo viaggio


e ora baratterebbe il suo mondo per un abbraccio


in fondo lo sa da un pezzo ma ci pensa mentre muore:


nella vita tutto ha un prezzo ma poche cose han valore.


(Rit)