Narciso parigi claudio villa romanina del bajon testo



Come sei bella Nina trasteverina,


tu che sei nata all'ombra del Cupolon,


sembri una muchachita dell'Argentina


quando con tutta la passion


balli l'ultimo bajon.


Col fuoco nelle vene e la febbre in cuore


danzi pur coi rintocchi del Campanon,


sei nata per ballare e per far l'amore,


romanina del bajon,


romanina del bajon.


Lasciatela passar,


fisarmoniche e chitarre innamorate.


Lasciatela ballar,


è la bella romanina del bajon.


Quando vai sul carretto per i Castelli,


l'aria delle colline ti fa sognar,


trotterellando suonano i campanelli


ed un frenetico bajon


ti vien voglia di ballar.


Forse sarà il vinello che dà calore,


l'amore ti sorprende con un bacion,


pure in quel bacio ardente ti balla il cuore,


romanina del bajon,


romanina del bajon.


Lasciatela passar,


fisarmoniche e chitarre innamorate.


Lasciatela ballar,


è la bella romanina del bajon.


Lasciatela passare la bella Nina,


romanina del bajon...