Narciso parigi serenatella amara testo



Bella, nun t'affacciar, se te saluto:


voglio che sappia tutto er vicinato.


Dice un proverbio antico e conosciuto


"È meglio solo che male accompagnato".


Sòna, chitarra. Chitarra, sòna.


La bocca tua de baci è una fontana


che ha dissetato più d'una persona.


Chitarra, sòna.


Per quante spine tu m'hai messo en còre,


te ne vorrebbe dá de bene amare,


ma ognuno me direbbe "traditore",


e a te "la madonnella sull'altare".


La gente ride, ride la gente.


"Sì, te perdono" 'o dice un commediante.


"Sì, te punisco" 'o ddice un delinquente.


Così è la gente.


Oggi ho sentito diri che tu vai in sposa;


io c'ho bevuto, ma te chiedo scusa.


Quando uno è brillo vede tutto rosa;


io vedo aperta la speranza chiusa.


Luna d'argento, luna d'incanto.


Te faccio milli auguri e son contento.


Le condojanze a chi te vive accanto


e t'ama tanto.


Casca una goccia d'acqua a tradimento:


nun ce badar, è 'na lacrima de pianto.


Io rido e canto!