Piero sidoti la venere nera testo



Sono rampe di scale


sono case su case


ed è bianco sporcato del cielo


Macchine allineate


code di luce


suoni e rumori arrabiatti


Sono i miei tacchi appuntiti


che mi impacciano i piedi


che mi cadenzano il tempo che vola


sopra i marciapiedi


Io mi sveglio alla luna


e poi alla deriva


però aspetto che arriva che brilla


che brilla che arriva


Brillerà un giorno


di soldi e fortuna


la mia pelle bruna sarà


venere nera


sarà la regina


la sposa difesa


che brillerà un giorno


di soldi e fortuna


la mia pelle bruna sarà


Sono milioni di voci


sono attese avvitate


sono soltanto giornate giornate


e giornate passate


Io mi sveglio alla luna


e poi alla deriva


però aspetto che arriva che brilla


che brilla che arriva


Brillerà un giorno


di soldi e fortuna


la mia pelle bruna sarà


venere nera


sarà la regina


la sposa difesa


va' via ragnatela


c'è già vita nuova


c'è coda d'aurora


c'è flauto che vola


c'è l'onda che chiama


c'è l'ombra lontana


che brillerà un giorno ....