Pippo Pollina Testi

Pippo Pollina L’appartenenza Testo

Il mio nome non è niente il respiro di un istante

tutta vita che sul mio corpo si disegna

lo accarezza lo accompagna luce e verità.

Dove vai tempo che mi illudi?

Il mio nome è appartenenza

vive solo in una stanza ma non piange mai.

Non ricorda né dimentica il suo orgoglio al sole

spighe nei granai.

Dove vai tempo che mi sfuggi?

cosa fai tempo che…?

Ci sarà nel silenzio

oscurità per vedere quello che non sono stato

quello che non ho compreso tutto l’amore atteso

tutto l’amore.

Ci sarà nel silenzio libertà

per capire quello che mi hai regalato

quello che io ho poi perduto nel viaggio mai finito

dentro quel tuo sorriso acceso.

Il mio nome è un desiderio

che si staglia su di un cielo nubi azzurre blu.

Un’incoscienza levantina storie di generazioni

tutti noi, io tu.

Ma dove vai tempo che mi illudi?

Cosa fai tempo che…?

Ci sarà nel silenzio oscurità

per vedere quello che non sono stato

quello che non ho compreso

tutto l’amore atteso

tutto l’amore…

Ci sara’ nel silenzio libertà

per capire quello che tu mi hai insegnato

tutto l’amore atteso che è fragile e indifeso

quel tuo sorriso acceso…