Simone avincola io dico basta testo



Avete tolto la musica,


Avete tagliato l’erba,


Resta solo chi mastica


La vostra politica di merda.


C’avete tolto il coraggio


E lo spirito per camminare,


Resta solo il miraggio


Di un gatto in mezzo al mare.


Avete bloccato il respiro


Alla gente come noi,


Resta solo la pioggia


Che batte sui vostri eroi.


Ma a tutto quel che resta... Io dico: basta


Avete tolto il brusio


E tutto quel che era suo,


Resta quel che è mio,


Resta quel che è tuo.


Avete tolto i colori


E la voglia di piangere ancora,


Restano solo i fiori


Ma anche loro andranno alla malora.


Avete rimosso l’indignazione


E trasformata in un ghigno,


Resta chi vive tutta la vita


Come fosse un eterno sbadiglio.


Ma a tutto quel che resta... Io dico: basta


Avete spazzato via la terra


Rubando le nostre armoniche,


Vi resta in tasca una guerra


In cambio di bombe atomiche.


Avete strappato gli alberi


E piantato cartelli stradali,


Avete ucciso stranieri:


Gridano nel fango come maiali.


Avete ridotto la dignità


Ad un cumulo di macerie,


Con il culo sui vostri sofà


E gli schiavi nelle miniere.


Ma a tutto quel che resta... Io dico: basta


Avete mangiato mortadella


E brindato alla faccia nostra,


Candidando quella piu bella


E giocando alla solita giostra.


Avete succhiato dai buchi,


Cancellato i ricordi dagli occhi.


Signori, siate i benvenuti


Nel regno dei balocchi.


Avete chiuso, dimenticato


Disintegrato l’informazione.


La vostra censura c’avete insegnato


E noi vi spegniamo la televisione.


E a tutto quel che resta... Diciamo: basta


Avete stuprato città


Vomitando inceneritori,


Resta chi non sa


Di pagare i propri tumori.


Avete scondinzolato


Sculettando e gridando: "vittoria"


Tutti i fogli avete strappato


Cancellando la memoria.


Venite un momento a guardare,


Noi siamo la gente che chiamate: "pazza"


Avete ignorato chi vuole cambiare


E mo vi beccate tutta la piazza!


E a tutto quel che resta... Diciamo: basta!