Simone avincola oltre il cancello testo



Se apri il cancello scopri fontane


E scherzi di luci sull'erba bagnata


Il Re ci si sdraia a toccar le puttane


Principi azzurri per la regina affamata


Tanti principi azzurri.. E la regina è bagnata.


Ma se entra un povero, sai cosa vede?


Vallate e distese di terre in collina


E mai piu un Re che ruba e non chiede


La frutta, gli ortaggi e la figlia carina


Che rapisce ogni volta per una sveltina


"Puoi strofinare i fichi d'India sul viso


Di un prigioniero e contargli le grida


E saltargli sui denti contento e deciso


Per lui sarà sangue per te sarà vita


Per lui sarà morte, per te gioia infinita.."


"..Qui sei il benvenuto e ti offro il mio vino


Colore del sangue che ci ha fatto fratelli


Ti regalo lo scettro se mi aiuti a trovare


Quel porco schifoso che è riuscito a scappare


Ora il popolo adora quel maledetto giullare."


"Mio fratello ti aiuto ma dammi dei soldi


Poi mi serve un cavallo e tanto mangiare


Troverò quel furfante che anche a me ha colpito


Procurandomi in faccia lo sfregio che ha inciso


E ora son condannato a mascherarmi il viso"


"Ti ringrazio del gesto e della bontà


Ecco i soldi, il cavallo e cibo a volontà


Torna presto!" sentì dire, ma lui non era il fratello


Tolse la maschera


E il giullare corse via..


...oltre il cancello