Teresa de sio a figlia do rre testo



Io songo ‘a figlia d’o rre


e nun voglio tenè padruni


e si fosse ‘a figlia ‘e nisciuno


me ne futtessi pure d’o rre


Io songo ‘a figlia d’’o rre


pure si patemo è scupature


‘e nisciuno me metto appaura


pure si è uno cchiù gruosso e me


Appiccialo cu ‘o ffuoco


stùtalo cu ll’acqua


Sienteme a me Cuncè


chisti quattro figli ‘e mappina


se scetano ogni matina


sulo pe se piglià ‘o cafè


Sienteme a me Pascà


chiste ca vonno cummannà


me volle ‘o sanghe, me volle ‘o sanghe


‘e mane vulesse menà


Tu appicciale cu ‘o ffuoco,


stutale cu ll’acqua


Corrono, corrono ‘e passi d’a gente


sperduti int’o munno


chiammano chiammano ‘e voci e criature


cu ‘e mani int’’o sanghe


Ah, si sapesse cantà, io ‘e cantasse


si sapesse pittà, io ‘e pittasse


si ‘sti mmura putessero parlà


quante cose, quante cose, quante cose…


Io songo ‘a figlia d’o rre


pecchè ‘a vita è na brutta bestia


primma te mozzeca e po’ sputa ll’ossa


primma te mozzeca e po’ sputa ‘nterra


Io songo ‘a figlia d’’o rre


e nun guardo ‘nfaccia a nisciuno


si tu o vvuò t’o magni ‘stu ppane


e accorta a nun te fa male


Appicciale cu ‘o ffuoco