Tito Schipa Testi

Tito Schipa Carlo Buti – Vivere Testo

Oggi che magnifica giornata

che giornata di felicità,

la mia bella donna se n’è andata

m’ha lasciato al fine in libertà.

Son padrone ancor della mia vita

e goder la voglio sempre più,

ella m’ha giurato nel partir

che non sarebbe ritornata mai più.

Vivere,

senza malinconia.

Vivere,

senza più gelosia.

Senza rimpianti

senza mai più conoscere cos’è l’amore,

cogliere il più bel fiore

goder la vita e far tacere il core.

Ridere,

sempre così giocondo.

Ridere,

delle follie del mondo.

Vivere,

finché c’è gioventù

perché la vita è bella

e la voglio vivere sempre più.

Spesso la commedia dell’amore

la tua donna recitar ti fa,

tu diventi allora il primo attore

e ripeti quello che vorrà.

Sul terz’atto scende già la tela

finalmente torna la realtà,

è la sua commedia dell’amor

in una farsa trasformata sarà.

Vivere,

senza malinconia.

Vivere,

senza più gelosia.

Senza rimpianti

senza mai più conoscere cos’è l’amore,

cogliere il più bel fiore

goder la vita e far tacere il core.

Ridere,

sempre così giocondo.

Ridere,

delle follie del mondo.

Vivere,

finché c’è gioventù

perché la vita è bella

la voglio vivere sempre più.

Vivere,

vivere

Vivere pur se al cuore

ritorna un attimo di nostalgia.

Io non ho più rancore,

e ringrazio chi me l’ha portata via.

Vivere,

vivere

Vivere,

finché c’è gioventù

perché la vita è bella

e la voglio vivere sempre più.