Umberto da preda la biondina in gondoleta testo



La biondina in gondoeta


l’altra sera gò menà,


dal piasser la povareta


la s’ha in boto indormensà.


La dormiva su ‘sto brasso,


mì ogni tanto la svegiava,


mì ogni tanto la svegiava.


E a barca che ninava


la tornava a indormensar,


e a barca che ninava


la tornava a indormensar.


Contemplando fisso, fisso,


e fatesse del mio ben,


quel visetto cussì slisso,


quea bocca e quel bel sen.


Mi sentiva dentro al petto


una smania, un missiamento,


una smania, un missiamento.


Una specie de contento


che no’ so come spiegar,


Mò stufà, oh finalmente,


de sto tanto so’ dormir,


e gò fato da insoente,


no m’ ‘ò vudo da pentir.


Perchè, Oddio, che bee cose


ghe go dito e ghe go fato,


ghe go dito e ghe go fato.


No, mai più tanto beato


ai me zorni no so stà.


No, mai più tanto beato


ai me zorni no so stà.


La la la la la……