Walter valdi i wahha puthanga testo



Questa è una vera e propria canzone d’amore.


Solo che va tenuto conto che si tratta di un amore nato, consumato, finito in un certo modo, a molta distanza da qui, in mezzo a popoli dai costumi completamente diversi dai nostri e parzialmente sconosciuti.


Si tratta di una canzone che parla di Africa, o meglio, di quella che credo sia la regione più centrale dell’Africa più equatoriale.


In d’una foresta del centro Katanga


gh’era la tribü dei VacaPutanga.


L’era una tribü de négher del mènga,


grand e ciòla e balabiòt.


«O VacaPutanga! O VacaPutanga!


Ma varda che rassa de négher del mènga!»;


el gran capo bantü Balalunga


el vusava sèmper inscì.


Al gran capo bantü Balalunga


ghe piaseva la dòna bislunga.


El gh’aveva una miée rutunda,


che la ghe ’rivava chì!


«O VacaPutanga! O VacaPutanga!


Ma varda che rassa de dòna del mènga!


Voeuna di dò: o che la se slunga,


o se nò mì la voeuri pü.»


El gran capo bantü Balalunga


l’ha faa foeura un stremissi de fionda,


l’ha piassada in del centro Katanga,


poeu l’ha dii: «Adèss vardé cosa fu!»


L’ha ciamaa la sua dòna rutunda,


l’ha piassada in del fund de la fionda,


poeu el g’ha daa una pesciada tremenda:


l’ha mandada a finì a Cantü.


O VacaPutanga! O VacaPutanga!


Intant che la vula, ’sta dòna balènga


l’ha faa una streguneria tremenda:


«Tücc i VacaPutanga da incoeu


el ghe tira pü.»


1


In d’una foresta del centro Katanga


gh’era la tribü dei VacaPutanga.


L’era una tribü de négher del mènga:


adèss l’è una tribü de cü!


O VacaPutanga! O VacaPutanga!


O VacaPutanga! O VacaPutanga!